Assegno di ricollocazione

Assegno di ricollocazione

L'assegno di ricollocazione è una misura di politica attiva e può essere richiesto da persone disoccupate. Inoltre, è uno strumento che aiuta la persona disoccupata a migliorare le possibilità di ricollocarsi nel mondo del lavoro.

COME FUNZIONA?

Possono richiedere l'assegno tutti i beneficiari di NASpI disoccupati da quattro mesi. Si tratta di un importo da utilizzare presso i centri per l'impiego o presso le agenzie accreditate.

IN COSA CONSISTE L'ASSEGNO?

L'assegno di ricollocazione ha un ammontare che varia dai mille ai 5 mila euro se il disoccupato trova un nuovo impiego a tempo indeterminato - vale anche per l'apprendistato. Se, invece, il contratto è a termine (almeno 6 mesi) l'ammontare varia da 500 a 2.500 euro.

E' bene specificare che non si tratta di contanti ma di un voucher spendibile presso i centri per l'impiego accreditati nelle singole regioni.

QUALI SONO I REQUISITI?

L’Assegno di ricollocazione spetta ai soggetti disoccupati che percepiscono l’indennità di disoccupazione da almeno 4 mesi purché non siano:

  • già impegnati in misure di politica attiva analoghe;
  • coinvolti in corsi di formazione per l’inserimento lavorativo;
  • destinatari di finanziamenti per l’avvio di un’attività lavorativa.

 

Per saperne di più compila il modulo in basso.

Se ti è piaciuto questo post, clicca Mi Piace qui sotto!